Benvenuto visitatore, Accedi | Registrati
Venerdì 26 Maggio 2017
 
S. Pardo
orologio
PROVERBIO DEL GIORNO
quiell che fì e jenr e nput è tutt prdut
Larino

C
Termoli

C
Campobasso

C

Cerca nel sito

Annunci

FantaFrentana, il FantaCalcio di AreaFrentana.com ha inizio! REGISTRATI per partecipare!

Vetrina

Giornali Locali

quotidiano del molise primonumero il ponte molise primo piano molise il tempo molise gazzetta del molise

La Cartapesta

Scritto da Admin il 20 marzo 2009 16:15 | AreaHobby

Un eccellente materiale che permette, con una spesa veramente esigua, di costruire delle opere leggere, dettagliate, resistenti, facili da colorare e da modellare.

Quando si parla di cartapesta subito ci viene in mente il carnevale. Infatti con questo materiale vengono costruiti enormi carri allegorici colorati e di molto effetto.

C’è da sapere però, che con questo materiale è possibile produrre qualsiasi cosa con una spesa quasi nulla, utilizzando materiali che di solito gettiamo nella spazzatura, il campo di applicazione è molto ampio: si possono realizzare maschere, pupazzi, casette, vasi, cofanetti, oggettistica, fiori ecc.

Ovviamente per ogni tipo di oggetto da produrre c’è una tecnica di base diversa: per le maschere e per i vasi si può utilizzare uno stampo in creta, per i pupazzi, i modelli umani o i corpi di animali, si crea un’armatura in legno o ferro ricoperta da rete metallica a maglia sottile in modo da poter essere rivestita di cartapesta.

I vari strati di carta di giornale applicati sullo stampo o sull’armatura, da uno a tre di solito, vanno fatti cospargendo i fogli di giornale con della colla (vinilica o di farina) in modo da avere dopo l’asciugatura un oggetto solido e molto resistente.

Dopo la carta di giornale, va utilizzata della carta marrone, tipo quella dei sacchetti del pane, oppure della carta igienica in modo da uniformare le piccole grinze degli strati precedenti ed avere un colore di fondo omogeneo e facilmente copribile.
Questa fase è molto particolare perché compromette la riuscita dell’opera, la cosa migliore da fare è strappare a mano i fogli per creare piccolissimi pezzettini in modo da avere bordi irregolari (e quindi meno visibili dopo l’asciugatura) ed una maggiore possibilità di definire i dettagli.

La successiva fase è quella della colorazione, dopo una base di colore di fondo (se necessaria) si possono usare le tempere o i colori acrilici per avere risultati brillanti e molto appariscenti. Se vogliamo un effetto tenue e delicato gli acquerelli andranno più che bene.
I particolari possono essere rifiniti con pennarelli indelebili a punta spessa (tipo uniposca)

La cartapesta è un materiale duttile e molto economico, chiunque può fare tantissime prove senza aver timore di sprecare denaro inutilmente per la materia prima, con l’esperienza e tanto esercizio ognuno può inventare la propria tecnica di lavorazione.